E’ possibile scegliere il medico che mi visiterà?

Certamente. In sede di prenotazione è possibile indicare il nominativo dello specialista a cui volete rivolgervi.

Entro quando posso avere una visita?

I tempi di attesa per le visite sono veramente brevi. In pochi giorni potrete avere un appuntamento con i nostri specialisti. E se abitate lontano dalla nostra sede è possibile richiedere un consulto in videochiamata garantito entro 48 ore lavorative.

Quanto costa la visita?

Il costo della visita in studio è di 130,00 euro

Come posso pagare la visita?

Le visite possono essere pagate in contanti, con carta di credito e bancomat e con assegno

Se avessi bisogno di un intervento, il team mi può operare?

Certamente, Androteam è formato dai migliori specialisti del settore e si appoggia alle migliori cliniche in Italia e in Europa.

 

PROTESI


Che cos'è una protesi peniena?

La protesi peniena é un sistema meccanico che viene inserito all'interno del pene al fine di garantire al paziente la rigidità necessaria per ottenere dei rapporti sessuali penetrativi. I risultati, come testimoniato da pubblicazioni scientifiche internazionali, sono eccellenti con alto grado di soddifazione dei pazienti.

Esistono diversi modelli di protesi peniena?

Le protesi peniene possono essere divise in 2 categorie: non gonfiabili (semirigide) o gonfiabili. Le prime sono costituite da 2 cilindri in silicone che mantengono il pene in uno stato persistente di erezione; risultano di semplice accesso e con rare problematiche di funzionamento. Le protesi gonfiabili, sono invece più complesse e richiedono l'impianto di 3 diverse componenti tramite una singola incisone chirurgica: i cilindri inseriti nel pene, l'attivatore (o “pompetta”) inserito nello scroto e un serbatoio nell'addome. I device gonfiabili rappresentano la nuova frontiera della chirurgia protesica, garantendo ottimi risultati e completa occultabilitá dell'impianto.

La protesi mi allungherà il pene?

L'impianto della protesi peniena non è finalizzato al guadagno di lunghezza dell'asta peniena. Nei caso in cui si desideri un contestuale allungamento del pene bisognerà considerare l'impianto di particolari protesi allungabili (AMS LGX©) oppure sottoporsi a contestuale chirurgia di allungamento.

La protesi peniena altera il piacere?

No, la protesi agisce esclusivamente in modo meccanico, garantendo al paziente una rigidità ottimale per la penetrazione. Il piacere, l'eiaculazione e l'orgasmo rimangono invariati rispetto alla situazione preintervento.

Mettendo la protesi peniena avrò ancora delle erezioni spontanee?

Nel momento in cui viene impiantata una protesi non sono più presenti erezioni spontanee complete. Rimane tuttavia, in risposta a stimoli sessuali, una cosiddetta erezione complementare che garantisce la tumescenza del glande e dei tessuti intorno all'uretra.

Quali sono le complicanze legate all'intervento di protesi?

Le complicanze legate a questo intervento sono principalmente l'infezione (molto rara < 1% in pazienti non diabetici) che può in estremi casi necessitare della rimozione dell'impianto e il malfunzionamento meccanico (5% dei pazienti necessità di una revisione ogni 5 anni)

PEYRONIE


Quali sono i sintomi della malattia di Peyronie?

La malattia di peyronie si presenta nella sua fase acuta con dolore in erezione e deformazione del pene (più frequentemente incurvamento). Nella fase cronica può esitare in diversi gradi di disfunzione erettile.

Ho la malattia di peyronie, devo per forza operarmi?

Non tutte le situazione cliniche sono meritevoli di un trattamento chirurgico. Molte possono essere controllate con farmaci orali o terapia iniettiva. Risulta essenziale pertanto una valutazione andrologica per decidere il corretto iter terapeutico.

É possibile che la malattia di Peyronie causi accorciamento del Pene?

Purtroppo tale malattia é caratterizzata da un processo di cicatrizzazione retraente che spesso coinvolge l'intera circonferenza del Pene causando un severo accorciamento dell'asta.

Quali sono le opzioni chirurgiche per correggere l'incurvamento del pene?

Esistono diversi approcci chirurgici che sono utilizzabili nel trattamento di questa malattia. Se le erezioni sono ottimali esistono sostanzialmente 2 approcci: una tecnica di raddrizzamento in accorciamento (tipo Nesbit) che consiste nel accorciare il lato più lungo del Pene in modo da raddrizzare l'asta. La seconda tecnica invece é definita in allungamento (tipo Lue) con incisione del lato più breve del pene nel massimo punto di incurvamento e successivo posizionamento di un graft. Nel caso invece vi sia una forma seppur iniziale di deficit erettile bisognerà considerare la possibilità di inserire una protesi peniena che permette sia di sostenere l'erezione, sia di correggere la deformazione del pene.

INFERTILITÀ

Come faccio a capire se sono fertile?

Per valutare la fertilità maschile é necessario eseguire una visita specialistica andrologica con esteso esame obiettivo genitale. In tale occasione viene inoltre pianificata l'esecuzione di uno spermiogramma, l'esame che permette lo studio della numerosità e della qualità degli spermatozoi.

Dopo quanto tempo una coppia viene considerata infertile e pertanto necessità di una valutazione specialistica?

L'organizzazione mondiale della sanità ha definito l'infertilità di coppia come l'impossibilità di ottenere un concepimento dopo 1 anno di rapporti sessuali non protetti.

Sono azoospermico, cosa vuol dire?

L'azoospermia é una situazione clinica caratterizzata dall'assenza di spermatozoi nello sperma. Viene considerata una delle possibile cause di infertilità maschile.

Esiste una soluzione per concepire se sono azoospermico?

Sono diverse le possibile cause sottostanti un quadro di azoospermia. É fondamentale una valutazione specialistica per comprendere quale sia la causa. Dopo di che, a seconda del singolo caso, esistono diverse terapie mediche o chirurgiche attraverso le quali si possono ottenere ottimi risultati.

Che cos'è una TeSE?

La TeSE é una tecnica chirurgica che permette il ritrovamento di spermatozoi nei pazienti infertili direttamente dai testicoli. Nei casi più difficili può essere utilizzato il microscopio che permette di ottenere migliori risultati.


VARICOCELE

Che cos'è il Varicocele?

Il varicocele é in anomalia venosa del testicolo, più frequente a sinistra, che può provocare a lungo termine un danno alla qualità degli spermatozoi e pertanto alla fertilità. In alcuni casi può essere sintomatico, causando un tipico senso di pesantezza testicolare, soprattutto dopo sforzi fisici.

Ho un varicocele, devo trattarlo?

Non tutti i varicoceli meritano un trattamento chirurgico immediato. È essenziale per stabilirlo una visita specialistica dall'andrologo.

Esiste un trattamento chirurgico migliore per il varicocele?

Non esiste un trattamento chirurgico migliore per il trattamento di questa patologia. Ciascun caso va discusso con lo specialista andrologo il quale suggerirà il trattamento più opportuno. Nel nostro team preferiamo utilizzare la tecnica descritta da Tauber (sclerotizzazione anterograda) oppure la legatura selettiva microchirugica.

Sono infertile, trattare il mio varicocele può risolvere il mio problema?

Il varicocele é un fattore causale riconosciuto per l'infertilitá maschile. Il suo trattamento è consigliato pertanto in particolare modo ai pazienti affetti da sterilità maschile. Esistono infatti concrete possibilità di risolvere il problema con un piccolo intervento chirurgico.